Quali sono gli ETF sui metalli preziosi?

ETF sui metalli preziosi

Chi desidera investire in oro o in argento prima o poi si imbatte nei cosiddetti ETF sui metalli preziosi. ETF sull’oro e ETF sull’argento sono tra i fondi comuni di investimento che seguono il prezzo dell’argento e dell’oro. In Svizzera, sono diverse le banche che offrono tali fondi.

ETF sta per Exchange Traded Fund, che può essere tradotto come “fondi indicizzati negoziati in borsa”. Un ETF è quindi un fondo indicizzato gestito passivamente e, per così dire, in contrasto con i fondi gestiti attivamente. A differenza di un fondo indicizzato tradizionalmente, un ETF può essere negoziato durante l’orario di apertura. Il prezzo si basa sul valore patrimoniale netto indicativo (VPNi), che funge da base dei prezzi. Al contrario, i fondi indicizzati vengono valutati e negoziati una volta al giorno.

ETC ed ETN: Exchange Traded Commodity ed Exchange Traded Note

Oltre all’ETF, esistono anche gli strumenti ETC ed ETN, Exchange Traded Commodity e Exchange Traded Note. Queste ultime due sono note, che per lo più vengono sottoscritte da una banca per l’emittente. In questo caso, quindi, c’è un rischio di controparte, ovvero è possibile che la banca emittente sia insolvente. In tal caso, un ETC o un ETN sarebbe inutile in quanto non vengono più garantiti finanziariamente, anche se l’attività sottostante ha mantenuto il suo valore.

Valore sottostante di un ETF e sua mappatura: ETF fisici e sintetici

Un ETF è solo liquido come il suo indice sottostante, che viene mappato dall’ETF stesso. Essendo un veicolo di investimento passivo, gli ETF sono diventati sempre più popolari soprattutto negli ultimi anni. Esistono numerosi ETF basati sulle azioni, sulle obbligazioni o sulle materie prime. Attraverso il processo di ingegneria finanziaria di creazione-riscatto, vengono create nuove azioni ETF sul mercato primario. Questi possono quindi essere scambiati tramite il mercato secondario stesso.

A seconda dell’attività sottostante, un ETF può essere considerato un prodotto fisico oppure un prodotto replicato sinteticamente. Nel primo caso, l’ETF mantiene il valore sottostante direttamente in forma fisica. Ciò significa che chi possiede un ETF sull’oro fisico ha in precedenza acquistato il metallo prezioso e lo ha immagazzinato fisicamente all’interno di un deposito. Lo stesso vale per un ETF fisico sulle azioni; in questo caso chi possiede l’ETF ha acquistato le proprie azioni che corrispondono all’ETF stesso. Al contrario, non esiste alcuna replica fisica in un ETF sintetico. In altre parole, né l’oro né le azioni vengono effettivamente acquistate da chi detiene l’ETF sintetico. Invece della controparte fisica, dunque, si va a verificare la replica sintetica. A tale scopo, viene conclusa una transazione swap insieme a una controparte: questa operazione ha come obiettivo quello di riflettere sinteticamente l’indice sottostante, vale a dire il valore che viene rappresentato dall’ETF. I prodotti basati su transazioni swap vengono utilizzati quasi sempre nei casi in cui il mercato non risulta essere fisicamente efficiente.

Corrispondenza fisica del metallo prezioso all’ETF ed eventuali restrizioni

Per quanto concerne gli ETF sui metalli preziosi, si consiglia sempre di fare affidamento su prodotti di investimento che vengono replicati fisicamente. In questo caso, infatti, gli investitori possono insistere sulla consegna di beni fisici. A tal proposito, però, è opportuno sottolineare come gli ETF sull’oro e sull’argento abbiano diverse restrizioni per quanto riguarda la consegna dei metalli preziosi fisici. Nello specifico, la denominazione potrebbe essere troppo grande per poter ricevere una proporzione corrispondente. Ad esempio, se un investitore può acquistare dieci once d’oro in ETF, ma l’ETF detiene 400 once di lingotto, queste dieci once non possono in alcun modo essere consegnate all’investitore. È anche possibile che i possessori di ETF sui metalli preziosi, a causa della politica monetaria o di altre misure normative, vietino o rendano difficile la consegna del metallo prezioso fisico. In conclusione, quando la situazione politica lo richiede, viene impedita la vendita e la consegna dei metalli preziosi fisici corrispondenti agli ETF nei quali si investe.

Vantaggi dello stoccaggio fisico (custodia singola o all’interno di cassette di sicurezza) rispetto agli ETF sui metalli preziosi

Accanto agli ETF sui metalli preziosi, ci sono soluzioni alternative che possono essere prese in considerazione da chi investe in argento, oro o altri metalli preziosi. Swiss Gold Safe SA è una di queste! Swiss Gold Safe SA offre agli investitori la possibilità di depositare in maniera privata e discreta i metalli preziosi fisici. Oro, argento e altri metalli vengono depositati all’interno di cassette di sicurezza o altre forme di custodia individuale I depositi e le casseforti ad alta sicurezza presenti in Svizzera e nel Principato del Liechtenstein costituiscono una soluzione diversa e indipendente dalle banche. Pur condividendo alcuni dei vantaggi offerti dagli ETF sui metalli preziosi, il deposito di oro e argento può essere considerata una soluzione di stoccaggio alternativa. Non esistono, infatti, restrizioni di alcun genere per quanto riguarda il deposito e la consegna di metalli preziosi. Il deposito di metalli preziosi soprattutto avviene esattamente secondo le esigenze di chi investe. Ad esempio, i clienti possono depositare 1 kg di lingotti d’argento, mentre gli ETF prevedono solo lingotti standard, vale a dire da 30 kg di argento e da 12,5 kg di oro. Inoltre, chi deposita oro presso Swiss Gold Safe SA detiene in ogni momento la proprietà diretta dei metalli preziosi. I clienti hanno un inventario dettagliato del contenuto della cassetta di sicurezza ed eventualmente le chiavi. Dunque, gli investitori possono ritirare i preziosi in ogni momento o depositarne altri.

Conservazione fisica degli ETF sui metalli preziosi presso Swiss Gold Safe

Presso Swiss Gold Safe SA, le commissioni di deposito vengono calcolate mensilmente e fatturate al cliente trimestralmente, semestralmente oppure per l’intero anno. Per un ETF, bisogna ricordare che il valore intrinseco delle azioni ETF acquistate va a diminuire nel corso del tempo. Supponendo che un investitore abbia acquistato 40.000 franchi svizzeri di oro, dopo un periodo di tempo – e a patto che il prezzo rimanga costante – questi valgono meno, ad esempio potrebbero valere 39.000 franchi. L’ETF non comporta per l’investitore una commissione giornaliera, come accade per il deposito di metalli preziosi. L’investitore, però, paga la perdita di valore degli ETF che va a incidere sulla spesa totale. Ciascuna azione dell’ETF riflette quindi sempre meno nel corso del tempo la titolarità dell’oro, che sia questa sostenuta fisicamente o mappata sinteticamente.
Tutti questi vantaggi devono essere analizzati con attenzione. Swiss Gold Safe SA offre tutti i vantaggi di un ETF, ma senza gli svantaggi. Gli swap non sono soggetti a restrizioni come gli ETF. I singoli lingotti possono essere registrati direttamente sul cliente. I costi di archiviazione sono molto competitivi. Argento, platino e palladio possono anche essere conservati nel deposito doganale senza IVA.

Sommario: quali sono gli ETF sui metalli preziosi?

  • Gli ETF (Exchange traded funds) monitorano i prezzi dei metalli preziosi quotati.
  • ETC ed ETN sono titoli di debito e, a differenza dell’ETF fisico, presentano un rischio di controparte.
  • L’ETF distingue tra ETF replicati fisicamente ed ETF replicati sinteticamente.
  • La consegna di oro fisico può essere difficile per un ETF a causa di errate denominazioni, circostanze legali o politiche.
WeltkarteEdelmetalle sicher lagern